Trebisacce

rappresenta senza alcun dubbio il centro di riferimento dell’Alto Jonio Cosentino.
Un paese vestito da Città, ecco come si mostra Trebisacce ai visitatori della costa nord calabrese.
In esso si concentra la vita economica e commerciale dell’intero territorio.

E’ qui, infatti, che si è insediata nel corso degli anni, il maggiore insediamento commerciale del comprensorio. Le varie attività commerciali presenti, piccole e grandi realtà industriali e servizi terziari, sopperiscono quasi totalmente alle carenze infrastrutturali dei comuni limitrofi.
Nonostante il periodo storico non proprio felice per l’economia globale e locale, Trebisacce mantiene un ruolo di leadership a cui far riferimento per soddisfare le piccole e grandi esigenze dei cittadini.

Il nome del paese deriva dal greco “trapezakion”, ossia “piccola tavola” quindi “tavoliere”, riferendosi alle caratteristiche geografiche del territorio.

La sua particolare conformazione e la sua posizione strategica lungo il litorale hanno consentito un notevole sviluppo in agricoltura. Interessante è la coltivazione del famoso ⇒ Arancia “Biondo Tardivo di Trebisacce” nei ⇒ Giardini di Trebisacce.

Importante è anche la tradizione marinaresca, che nonostante l’evolvere dei tempi, resiste ancora oggi. La pesca, senza dubbio, ha rappresentato fino alla seconda metà del ‘900, la maggiore fonte di sviluppo e di crescita.  La flotta trebisaccese, forte di una collocazione geografica centrale sul litorale calabrese, ha mantenuto negli anni inalterata la sua fama. Trebisacce nel corso degli anni ha saputo evolversi adeguandosi ai cambiamenti storici ed economici in atto sull’Alto Jonio Cosentino.

Da piccolo paese di pescatori con poco più di 2000 abitanti all’inizio del ‘900, ad una realtà turistica di riferimento per l’intera regione. Oggi è l’unico paese del comprensorio capace di raggiungere i 10.000 abitanti.

Trebisacce centro

Trebisacce

Il clima mite e temperato in quasi tutti mesi dell’anno, un litorale suggestivo, e un mare cristallino, hanno permesso un notevole sviluppo turistico della cittadina. Ciò ha favorito l’insediamento di numerose attività commerciali sul lungomare e nella Marina di Trebisacce.

Oggi sul lungomare di Trebisacce sventola per il quarto anno consecutivo la Bandiera Blu.
Riconoscimento conferito nel 2014-2015-2016-2017-2018 dalla Fee per la limpidezza delle acque e per la qualità dei servizi offerti al turismo.

Trebisacce non è soltanto mare: una pagina importante è da dedicare alla storia di questo paese.

Negli anni 80, un gruppo di ricercatori, ha individuato sulla collina in località ⇒ Broglio di Trebisacce un sito archeologico. Questo, dal valore storico e culturale inestimabile, ha riportato alla luce le vestigia di un antico villaggio protostorico.

Il sito archeologico di Broglio nasce su un’altura in posizione panoramica su tutta la Piana di Sibari, e si estende per circa 11 ettari. La prima colonizzazione del sito risale  alla media età del bronzo, durante i periodi  “protoappenninico” e “appenninico” (1700-1350 a. C). E’ in questa epoca storica che la Sibaritide vede sorgere numerosi insediamenti.

Dalla fine del Bronzo Medio e per tutta l’età del bronzo recente gli abitanti del luogo entrano a stretto contatto con i navigatori micenei.

Questi scambi interculturali permisero di acquisire nuove tecnologie. Appare per la prima volta in Italia il tornio per costruire vasi in ceramica depurata e dipinta.  Vengono prodotti giare e vasi utilizzate per immagazzinare olio e alimenti. Grazie a queste importanti scoperte rinvenute a Broglio, si puo’ dire con certezza che le prime forme di civiltà nel territorio sono antecedenti all’avvento dei Greci, e che è da qui che nascono le radici di questo territorio.

Sito istituzionale

 

Questo articolo è disponibile anche in : ruRusso enInglese

Ratings & Reviews

No reviews yet. Be the first to write one!

Write a Review