Come per la maggior parte delle opere che si trovano sul territorio dell’Alto Jonio Cosentino, anche l’Antico Granaio di Roseto Capo Spulico è avvolto dalla nube della leggenda che si schiarisce un po’ incontrandosi con la storia.

Le origini dell’Antico Granaio di ⇒ Roseto Capo Spulico sembrano essere infatti poco chiare.

L’evidente vicinanza dell’Antico Granaio al Castrum Petrae Roseti, il Castello Federiciano, nato sui ruderi di un edificio sacro, ha dato seguito alla leggenda che, anticamente, venisse utilizzato come luogo di culto.
A testimonianza di ciò, sono state ritrovate alcune croci disegnate sulle arcate e resti di possibili acquesantiere.

La storia invece riporta l’Antico Granaio di Roseto Capo Spulico prima come stallo e dimora usato dagli inservienti di Federico II nel periodo in cui Egli dimorava nel Castrum Petrae Roseti, poi fu adibito a deposito di grano, e negli anni successivi alla guerra anche come deposito di resina.

Da qui sembrerebbe derivare il suo nome.
Il trascorrere del tempo ha logorato l’Antico Granaio, determinando il crollo di alcune arcate.

Di recente è stato completamente ristrutturato e ora ospita incontri, conferenze e momenti di socializzazione tutti rivolti alla cultura, allo sviluppo e alla legalità.

Antico Granaio di Roseto Capo Spulico ⇒ come arrivare

Questo articolo è disponibile anche in : enInglese

Ratings & Reviews

No reviews yet. Be the first to write one!

Write a Review